L’Ansitz Pillhof sulla strada del vino – Bolzano

Frangarto. Ricordatevi bene questo nome. E’ l’unica informazione che vi servirà per raggiungere l’Ansitz Pillhof. Non fatevi portare a spasso su e giù per via Bolzano (molteplici volte) dai vostri tecnologici navigatori. Cercate il crocevia per Frangarto e sarete arrivati (che poi mica era così difficile interpretare la mappa dal sito…). L’aver speso tempo nella ricerca del Ansitz perduto vi sembrerà solo tempo rubato. Rubato al piacere che si prova nell’arrivare a questa deliziosa vinothek.

Un’accogliente corte intonacata di bianco ed illuminata ad arte apre le porte alla tenuta Pillhof. La piacevolezza di quest’accoglienza vi farà guardare rapidamente i divani bianchi in esterna forniti di caldi plaid rossi, e vi guiderà senza indugio a voler entrare negli interni di questa tenuta.

Frau Oberhofer accoglie gli ospiti, lasciando momentaneamente il bancone di legno dove propone e serve con destrezza e competenza una vasta selezione di vini. E’ piacevole vedere da subito che il suo stile di gentilezza e rigore è trasmesso anche allo staff di sala: camerieri accorti, eleganti in una divisa sobria e professionale.

L’atmosfera è calda e gioviale; una punta di modernità sottile negli arredi e corredi controbilancia la solida impronta altoatesina di mura spesse e legno scuro della struttura. I tavoli, molti dei quali abbinati ad alti sgabelli, sono inseriti in nicchie accoglienti e confortevoli. Gradevole la musica lounge internazionale di sottofondo. L’illuminazione fornita da applique a muro è soffusa; piccole candele creano l’atmosfera giusta per volere iniziare il percorso gastronomico.

Il menu si compone suppergiù di 15 portate, dall’antipasto al dessert. Piatti con ingredienti della tradizione locale, rivisti in veste maggiormente raffinata.

Per iniziare, giacché siamo in una vinothek, ordiniamo una bottiglia di Blauburgunder del 2009 (cantina Castel Juval). Ancora un po’ fresco ed alcolico, ma dagli spiccati aromi di frutti rossi, amarene e vaniglia.
Con il vino arriva anche una selezione di pane (fatto in casa), tra cui spiccano la classica puccia tirolese croccante ed un pane nero ad alta concentrazione di semi.

Scegliamo di proseguire con una selezione di formaggi (presentata nel menu tra i dolci). Arrivano su un tagliere di ardesia, accompagnati da una mostarda all’arancia.
Ottimi il Nussler (che non conoscevo) ed il Camembert, entrambi ricchi e cremosi.
Già noti i sapori del Sixtus Salix (che ricorda un Asiago stagionato) e del Red Sparken (un Cheddar cheese molto colorito).
Interessante e inusuale il Graukäse: consistenza granulosa e piuttosto untuosa; sapore molto intenso, quasi piccante e che ricorda le erbe medicinali.
Buona selezione per un antipasto, anche se qualche dettaglio in più sui singoli formaggi da parte dei camerieri sarebbe stato utile per apprezzarla ancora di più.

Non manca nessuno degli ingredienti tipici tirolesi nel Risotto dolce con mele, vino rosso e guance di maialino brasato. Eccellente. Dolce al punto giusto ma senza diventare scontato. Viene servito in un bel piatto a forma di goccia (…e un po’ mi viene da piangere quando il risotto è finito).

Cotto alla perfezione, morbido e succoso, il Filetto di vitello con taccole allo speck e purea di patate. La cottura nello speck ravviva le taccole (che in realtà erano fagiolini) e insaporisce le quenelle di purè di patate.

Si conclude con la Variazione di dolce. Quattro assaggi di dessert serviti con un mezzo vezzo di nouvelle cuisine. Non rimango impressionata dai primi tre: tortino di coccolato dal cuore morbido (the usual one…); mini creme brûlèe (onesta) e mousse al cioccolato bianco e frutti di bosco (iper-ariosa, ma a dire la verità non abbastanza saporita).
Mi conquista invece il gelato al vin brulé, di color vinaccia e servito su mele cotte e caramellate, un sapore che rievoca in modo nitido la cannella e i chiodi di garofano.

Si lascia l’Ansitz Pillhof un po’ a malincuore. Un’ultima foto al colorato albero di Natale e Frau Oberhofer che sorridendo ci saluta.

Prezzi: antipasti €9-10, primi €12, secondi €19-22, dessert €6-10.  Paghiamo €85 in due incluso il vino e l’acqua.

Ansitz Pillhof
via Bolzano 48
Frangarto –Appiano sulla strada del vino (BZ)
+39 0471 633 100
http://pillhof.com/home/index.php

2 thoughts on “L’Ansitz Pillhof sulla strada del vino – Bolzano

  1. Che bellezza di posto!Prossimo giro nel Bolzanino e questo non ce lo perdiamo davvero!Grazie per le informazioni così dettagliate e …personali. Potresti scrivere una piccola guida di posti così selezionati! Un editor famoso lo conosci bene!

  2. Eccezionale! Come hai fatto a mangiare tutto quel bendidio e ricordartelo così bene!? Ottima osservatrice e gustatrice. Sarà difficile accontentarti a Natale.Sono già in crisi…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...